INTERVISTIAMO LA RAFFA !

Buongiorno a tutti

intervistiamo Raffella Bertoli al secolo Raffa. Nostra vera tutto fare; consigliera Atletico Basket, allenatrice Minibasket, responsabile minibasket. Qualche massaggio(visto che lo fa di lavoro) per recuperare da infortuni e anche collaborazione con altri gruppi. Troppo? Alle volte si, infatti sbarella. Comunque sia tanta volonta' di fare bene.

La vogliamo coinvolgere per parlare di minibasket. Soprattutto per questa faticosa iniziativa che sta portando avanti gia' pubblicizzata su facebook(far giocare i bimbi al campo all'aperto anche in periodo estivo, soprattutto con grande attenzione a chi vorrebbe iniziare a giocare, fosse anche per la prima volta)

Come va e come si evolve il rapporto coi genitori dei bimbi minibasket?

Nell’ultimo periodo mi è capitato molto spesso di confrontarmi con un genitore in merito alla scelta di uno sport piuttosto che un altro, di una realtà sportiva piuttosto che di un’altra.
La maggior parte di noi è cresciuto con l’idea che lo sport si “giochi” fino ad un certo punto, fino a una certa età, e poi non sia più un gioco, ma un’opportunità personale di spiccare rispetto agli altri, detta in termini brutali, o di avere “il meglio possibile” per tuo figlio.
Che lo sport quindi non sia più per tutti?
allora cominciano le scelte degli adulti: chi meriti il gruppo più evoluto, chi il gruppo medio, chi quello degli “scarsi”. chi possa diventare più alto, più muscoloso, più talentuoso, ho sentito di tutto…
 
La tua idea a riguardo?
 
Nel passato ritenevo di guardare molto alla competitivita', fin da giovane eta' del ragazzo.
Poi sono arrivata qui(Atletico Basket), non lontana da casa
Ed una persona mi ha insegnato che, come avevo intuito da bambina ribelle, lo sport si può “giocare” per tutta la vita: con impegno, serietà e lavoro duro.
che anche se ti avevano dato per scarso, puoi essere il meglio di te stesso.
gli ultimi due anni abbiamo cercato di trasmettere questi valori ai bambini, ma prima di tutto alle famiglie, che molto spesso sono le prime che cercano di sapere quale sia la famosa cosa giusta e se il proprio figlio possa avere un quel momento “il meglio”
 

Ma cos’è il meglio?
 

In questo momento da responsabile del minibasket posso dire che abbiamo proposto da ottobre 2020 allenamento all’aperto tutto il periodo, siamo proseguendo anche ora.
La nostra idea è di faticare insieme, imparare i fondamentali giocando, incoraggiarci a far meglio, prepararsi fisicamente e giocare giocare giocare...
Continueremo a luglio e proporremo fino a metà settembre le prove all’aperto per creare i gruppi in base alle abilità ed alle competenze, poi ripartiremo finalmente in palestra.
Se pensate possa essere il vostro meglio, vi aspettiamo.
 
In bocca al lupo!!
 
Finiamo col dire che gli spunti lasciati sono molti; sono anche io genitore. Sicuramente questo e' il mestiere piu' difficile in assoluto, perche' abbiamo anche il trasporto del sentimento puro. Dico a tutti: siate critici ma sosteneteli. Non sosteneteli a prescindere. 
 
forza reds !!