serie c: Castello passa in extremis !

Dopo la batosta di Molinella, arriva al Cavina altra pretendente alla vittoria finale di questo campionato, CSpietro Olimpia. Budget importante, roster di giocatori esperti e blasonati, allenatore affermato.

Ci aspettavamo una reazione importante e invece abbiamo dovuto assistere a due quarti pessimi, con brutto atteggiamento, al limite dell'indisponente. Gli avversari hanno mostrato un clinik di basket con temi importanti; pick e roll, back door , spaziature, concentrazione, pazienza. 12 a 24 dopo 10 minuti, 32 a 51 a meta' gara, dopo essere stati sopra di 26 punti.

Il baratro era molto vicino, come puo' accadere tante volte nella nostra vita, non solo sportiva. A questo punto la scelta e' da fare, obbligatoria; continui con quella faccia e dai colpe a tutti(allenatore incapace, societa' che non trova budget, compagni scarsi, arbitri di parte ecc ecc) o inizi a guardarti dentro e ti chiedi: ma io, cosa sto facendo per il bene del gruppo? Sono davvero esentato da colpe? Mi va poi bene finire con una figuraccia del genere?

Quelli che non hanno anima scelgono la prima strada(facendo poi anche un po' di sana polemica magari, ergendosi a paladino degli alibi!) . Quelli che hanno anima, orgoglio vero, non ci stanno e mettono cuore, non tecnica. Ho detto cuore.

Sicuramente i giocatori hanno giocato i primi 20 minuti con una falsa intensita', vicino all'uomo ma mai aggressivo. In totale mancanza di fiducia nel compagno e nell'allenatore. Altrimenti non si sarebbe arrivati a quel differenziale(pur non volendo sminuire i meriti degli avversari).Ecco perche' la scelta dell'allenatore e' stata di "assumere responsabilita'" o forse non scaricarle, perlomeno. Contrariamente alla nostra storia sportiva, sono state azzerate le rotazioni. In campo i senior, quelli che devono guidare. Quelli per cui la societa' si fa in quattro per trovare risorse e giocare a basket. Volevamo capire  se gli uomini, prima che i giocatori, erano giusti o non all'altezza del campionato . 

Poi non so cosa scatti nella testa dei ragazzi, in grande onesta'. La molla scatta, un pelo alla volta e prende sempre piu' forza, non appena i risultati danno conferma e non appena senti magari i compagni e i tifosi incitare, soddisfatti di vedere lottare.

Dopo aver subito 51 punti in 20' di gioco, i reds si trasformano; 7 punti subiti in 10 minuti, avete capito bene. Difesa alta, vogliosa, determinata. Senza accettare passivamente le scelte oculate degli avversari, mettendo sassolini nei loro ingranaggi ben oliati. Recuperi, contropiedi ma anche attacchi equilibrati, con buoni tiri costruiti e non inventati. 52 a 58

Ultimi 10 minuti; gli avversari sono sulle gambe, in poco tempo si bruciano tutti e tre i time out a disposizione. Un mezzo infortunio a Des non ci ferma; li raggiungiamo e superiamo, fino al +4. Meno di due minuti alla fine gara. Gli avversari si attaccano all'esperienza dei suoi giocatori(Trombetti muove il tabellone, forse il canestro piu' importante). I reds attaccano e subiscono fallo, ma purtroppo la precisione ai liberi e' scarsa, molto scarsa(5 errori, quanto mai importanti in questo frangente). Sbagliamo anche un tiro da tre, ben costruito  che avrebbe chiuso la gara. Siamo a +2. Azione seguente la palla va in mano al loro play(ha giocato in palcoscenici ben maggiori, e si vede) che tira da tre dal palleggio e segna(il difensore del bloccante, non mi ricordo chi sia, ne faccia tesoro!!). -1 a 26 secondi dalla fine.

La panchina reds non chiama minuto di sospensione(per non dare modo di respirare agli avversari che infatti non tenevano in difesa) anche per poter sfruttare tutti i 24 secondi a disposizione e non lasciare quindi tempo di "risposta" al CSPietro; Greg invece decide di attaccare(aveva trovato un vantaggio per la verita') e subisce fallo. 1/2 al liberi e quindi parita'. 14 secondi per il Castello per vincere(a questo punto a noi sarebbe andata bene anche la parita', fisicamente stavamo meglio), la palla sta sempre in mano a Bedetti, come prima; attacca a due secondi dalla fine, va in contatto con Artese e trova il fallo a suo favore(fallo di corpo a due secondi dalla fine, non sul tiro.......voglio vedere chi ha il coraggio di dire che lo avrebbero fischiato anche a parti invertite).

Glaciale dalla lunetta; il primo lo mette e il secondo lo sbaglia apposta per non permettere di chiamare time out. Lo sbaglia oltretutto con criterio, la palla schizza e quindi in due secondi riusciamo solo a tirare da 20 metri, sbagliando. Castello vince +1.

Bella gara, non c'e' che dire. Avvincente, molto eloquente. Puo' un uomo essere vuoto e andare sotto di brutto per poi reagire pochi minuti dopo(inserendo dubbi su dubbi a quotati avversari) e dominare la gara? La risposta e' si. I presenti confermeranno.

Tante ma tante informazioni da elaborare per lo staff di allenatori; forse le capiremo forse no. Zero alibi per la squadra. Ora e' inconfutabile; se giochiamo con l'intensita' dei primi due tempi, perdiamo da tutti. Se giochiamo con l'intensita' degli ultimi due quarti, possiamo vincere da tutti e segnare un nuovo inizio di storia per l'Atletico Basket. Ai giocatori la scelta. Il resto e' aria fritta; gli avversari costano a spanne circa 4 volte noi; pur non pagando parametri in cassa non abbiamo un euro(avessimo scelto la linea delle altre squadre, saremmo CHIUSI, sia chiaro. nessun amico del giaguaro puo' dire l'opposto, estratto conto alla mano). In campo questa differenza non si e' proprio vista....il basket e' proprio bello !

Abbiamo la presunzione di essere educatori prima di allenatori(non siamo professionisti, facciamo un altro mestiere nella vita, un motivo ci sara'??!!) come missione. Non ci interessa la tattica(potevi chiamare minuto, potevi metterti a zona, potevi mandare a sinistra, potevi mandare al centro, potevi fare fallo ecc). Questi discorsi mi appassionano zero; di solito sono fatte da chi non ha nulla a che fare non lo sport vero, giocato. Sono discorsi che appassionano il pubblico, quello che parla senza mai aver corso su e giu' per il campo, con un polmone che esce dalla bocca per i troppi battiti generati dal cuore(sono i giocatori da meta' campo o gli allenatori che stanno a sedere.... no grazie, non fa per me). Alla mia eta' oltretutto, quando uno inizia a parlarmi con un se o con un ma, non riesco piu' a seguirlo. Non c'e' la controprova? Allora lascia stare, stai dando fiato alla bocca.

Abbiamo perso tante gare di solo un punto....guardate i nomi di chi ha fatto l'ultimo cesto, e andate a vedere dove hanno giocato nel loro passato. Poi cercate di ricordare chi dei nostri ha sbagliato e dove ha giocato. Se vuoi costruire qualcosa devi prima poter sbagliare, in serenita'. Nessuno del mondo Atletico Basket, fa un processo a un ragazzino che sbaglia l'ultimo tiro e neanche se sbaglia la scelta. Tra un po' di anni, vedremo se la scelta dara' i suoi frutti. Il tempo e' galantuomo, per tutti.

Io mi impegno tante ma tante ore alla settimana per insegnare parole come onore, rispetto, fatica, equilibrio, orgoglio e soprattutto Gruppo. In maniera molto onesta, tutti ne parlano, pochi sanno di cosa si tratta. Io non cambio idea, questa e' la mia strada. Non mi fermera' nessuno. Come gia' successo nel passato, quando non saro' apprezzato, togliero' il disturbo. Ma non cambiero' linea, mai.

I singoli;

tutti entrati in campo, ma stavolta in tanti con minutaggi esigui(non era certo giusto dare responsabilita', che non hanno, ai piu' giovani!Andavano giustamente tutelati). tognaz 1 minuto, Bruno, 3 min, Ricky 2 min, Frank 5 min, teo 8 min, silver 7 min. In loro poniamo tanta fiducia e speriamo, al piu' presto, di tornare alla classiche rotazioni, per essere intensi maggiormente e per trovare, ogni gara, almeno 3 di loro che contribuiscano in maniera massiccia alle statistiche della gara

Se i senior che citeremo, avessero messo l'intensita' dei 20 minuti finali, nei primi 20 minuti, gli altri compagni avrebbero contribuito e avrebbero seguito l'onda. E sono certo che avremo vinto. Senza dubbio.

Greg 19 p 2 rimb 3 ass 3 rec 4 pp 4 fs, 6/11 da due 1/5 da tre 4/7 ai liberi

jack 8 p 12 rimb(6 in attacco, se ci vai li prendi eccome!)3 ass 2 rec 5 pp 2 fs, 1/9 da due 2/4 da tre

rossi 14 p 3 rimb 3 pp 3 rec 2 ass 0 falli subiti(?)1/2 da due 4/9 da tre

artese 12 p 4 rimb 3 rec 3 pp 5 ass 6 fs. 3/6 da due 2/3 da tre 0/2 ai liberi

enry 10 p 8 rimb 5/9 da due, 1 pp, 2 ass 2 rec 1 fs

des 8 p 1/1 tl 2/4 da due 1/4 da tre 5 rimb 3 rec 3 pp 1 ass 2 fs

Un applauso particolare va fatto al pubblico, che ha sostenuto la squadra anche sul -26. Bello vedere la tensione che si e' generata a fine gara, l'ansia. Tutti, mi pare. Poiche' comunque puoi criticare quanto vuoi, ma se sei un reds, lo sei poi per davvero. Se anche non lo sei, fai fatica a non applaudire un gruppo di ragazzi che tenta l'impossibile, buttando tanti attributi in campo-

orgoglio reds. orgoglio. Fin dal primo allenamento utile, per prepararsi a proibitiva trasferta, contro Rebasket.

 

 

Ultima modifica ilLunedì, 18 Febbraio 2019 11:14

Warning: current() expects parameter 1 to be array, null given in /web/htdocs/www.atleticobasket.it/home/modules/mod_weather_gk4/helper.php on line 333

BORGO PANIGALE